BIOGR.

HOME

impeesa-it.html

ACQUISTA

http://www.ecoshop-italia.com/#/Recherche-de-Produit_2_pro-140

FAN PAGE

http://www.facebook.com/pages/impeesa-la-grande-avventura-di-Baden-Powell/43031218404

Impeesa, la vita di Baden Powell

22 febbraio 1857. E’ domenica mattina. In una palazzina al numero 6 di Stanhope Street (oggi è il numero 11 di Stanhope Terrace), nella zona di Paddington, a Londra, nasce Robert Stephenson Smyth Powell. Ma chi sono i suoi genitori? Da che famiglia arriva? Suo padre è il professor Baden Powell (Baden è il nome e Powell il cognome), docente di geometria nella prestigiosa università di Oxford, nonché pastore della Chiesa Anglicana. Sua madre si chiama invece Henrietta Grace Smyth ed è figlia dell’ammiraglio inglese William Henry Smyth. Henrietta ha un carattere dolce, ma molto forte. Tra i suoi avi c’è Joseph Brewer Smyth, uno dei primi colonizzatori del New Jersey, in America.

Per il reverendo Powell è il terzo matrimonio: le prime due mogli, Eliza e Charlotte sono morte di malattia. Dalla seconda il professore ha avuto quattro figli. Quando la donna muore, nel 1844, i due figli più grandi vanno ad abitare in casa di alcuni parenti in Irlanda; i due più piccoli, Baden Henry e Charlotte Elizabeth, rimangono invece a Londra con il padre. L’anno dopo, nel giugno 1845, il professor Powell va a trovare l’amico William Henry Smyth, che abita nel quartiere di Chelsea, a Londra. L’ammiraglio è un navigatore, studioso di idrografia ed esperto di astronomia, come Powell: quel giorno il professore conosce una delle figlie dell’ammiraglio: Henrietta Grace. A settembre il reverendo Baden Powell viene invitato dall’ammiraglio a passare il fine settimana a casa sua. Sarà un week end fatale: pochi giorni dopo, infatti, Henrietta Grace e Baden si fidanzano. Lui ha 49 anni e già quattro figli; lei ha 21 anni. Il matrimonio viene celebrato nel marzo del 1846: la famiglia Powell si trasferisce a Oxford. Da quella unione nascono sette figli in nove anni, e ogni bambino riceve anche il cognome della madre da nubile. Il primo è Henry Warington Smyth Powell, nato nel febbraio 1847: un fratello maggiore che sarà importantissimo per la formazione e la vita del nostro BP. Seguono George Smyth (dicembre 1847), Augustus Smyth (maggio 1849), Francis Smyth (luglio 1850), Henrietta Smyth (ottobre 1851), John Penrose Smyth (dicembre 1855). A loro si aggiungono naturalmente i due figli che il reverendo Powell ha dalla moglie precedente, Baden Henry e Charlotte Elizabeth. A quei tempi molte malattie erano incurabili, soprattutto nell’infanzia: Henrietta, John, Jessie e Augustus muoiono prima di avere compiuto cinque anni. Nel 1856 la famiglia si trasferisce a Londra, nella zona di Paddington. Qui il 22 febbraio 1857 nasce il nostro Robert Stephenson Smyth Powell: ottavo figlio di Henrietta Grace Smyth e dodicesimo del professor Baden Powell. Tutti, in famiglia, lo chiamano Stephe. Il nome Stephenson viene dal cognome di uno degli amici di famiglia: Robert Stephenson, importante ingegnere dell’epoca nonché figlio di George Stephenson, l’inventore della locomotiva a vapore. Dopo Robert, nascono altri due bambini: Agnes Smyth, nata nel 1858, e Baden Fletcher Smyth, nato nel 1860. Appena un mese dopo il reverendo Powell muore improvvisamente, lasciando alla moglie di 35 anni la responsabilità di crescere da sola nove figli, di età compresa tra zero e 21 anni. Stephe, che ha solo tre anni, è troppo piccolo per ricordarsi del padre. Dopo la morte del marito, Henrietta Grace Smyth compra una casa ad Hyde Park Gate, sempre a Londra ma nel quartiere di Kensington, vicinissima a uno dei parchi più belli della città. La donna conserva tutte le cose del marito: la ricchissima biblioteca, le collezioni di reperti naturali e gli strumenti scientifici vengono sistemati in una grande stanza che sarà importantissima per la formazione e l’educazione della numerosa famiglia del professor Powell anche dopo la sua scomparsa. I tre figli maggiori vengono mandati in collegio; Robert, Agnes e Baden rimangono a casa a studiare con la madre: infatti a quei tempi non c’era la scuola dell’obbligo. Nelle ore libere, la mamma porta i tre ragazzi a osservare la natura, le piante e gli animali del vicino Hyde Park. Stephe ben presto mostra la sua abilità nelle cose manuali e nell’arte: sa disegnare molto bene e può scrivere e dipingere usando indifferentemente la mano destra o la sinistra. Ma la sua specialità è la recitazione.


1868. A 11 anni Robert va a scuola per la prima volta, alla Rose Hill School, a Tunbridge Wells, nel Kent: è una specie di collegio.


1869. Robert ha 12 anni. La madre decide di cambiare il cognome della sua famiglia, aggiungendo a Powell il nome di battesimo del marito. Il documento è datato 21 settembre. La famiglia diventa così Baden Powell.


1870. Stephe vince una borsa di studio ed è ammesso a frequentare la prestigiosa scuola di Charterhouse, che a quei tempi è ospitata da un vecchio monastero posto vicino al Mercato delle carni di Smithfield, nel centro di Londra. Il direttore della scuola, il Reverendo canonico Haig Brown è molto importante per la formazione non solo scolastica ma anche umana del giovane Baden Powell. Il direttore dà molta importanza al divertimento dei suoi ragazzi, e fa in modo che il carattere e le naturali inclinazioni dei suoi studenti non vengano mortificati ma, se positivi, incoraggiati. A scuola Robert eccelle in tutte le discipline artistiche (musica, teatro, disegno), un po’ meno nelle materie “tradizionali”. Ha soprattutto dei problemi con la condotta, visto che spesso diserta le lezioni per nascondersi nel “Copse”, la boscaglia vicina alla scuola, dove vive avventure un po’ reali un po’ immaginarie. Tra le altre cose, impara a seguire le tracce degli animali, a catturarli e a cucinarli per cibarsene invece di andare alla mensa della scuola. Impara da autodidatta anche le varie tecniche per sfuggire a chi ti cerca in un bosco (i professori, infuriati) o per scoprire da lontano l’arrivo di un intruso (idem). A Charterhouse Robert perfeziona le cose che gli ha insegnato la mamma, come suonare il violino, il pianoforte o disegnare. Ma è anche un ottimo portiere nella squadra di calcio del collegio, ed è sempre tra i primi quando si tratta di azzuffarsi con i ragazzi del paese che arrivano per provocare i coetanei della scuola, i “cittadini”.


1872, luglio. Quando torna a casa d’estate, per le vacanze, vive incredibili avventure con i tre fratelli maggiori, a cominciare da Warington: come lunghi viaggi nella campagna inglese, campeggiando liberamente; risalite dei fiumi in canoa; traversate nel tempestoso canale della Manica o nel Mare del Nord con una barchetta a vela. La prima volta risale al luglio 1872, quando Stephe ha 15 anni: Warington, Robert e gli altri due fratelli più grandi partono da Londra con una canoa che Warington aveva preso in Svezia. Risalendo il Tamigi, l’Avon e altri fiumi raggiungono il resto della famiglia, che era in vacanza in Galles.


1876, settembre. Robert lascia il collegio di Charterhouse: il suo ciclo di istruzione è terminato. Sostiene gli esami per entrare all’università, dove studiano già tre fratelli maggiori, ma non riesce a superarli. Stephe, più per caso che intenzionalmente, si è presentato anche a un concorso per entrare come ufficiale nell’esercito. Non ha grandi speranze di essere accettato, visto il suo curriculum scolastico poco brillante: invece, con sua grande sorpresa, fa subito centro. Su un giornale legge di avere superato la prova di selezione tra i migliori: secondo in cavalleria e quinto in fanteria su 718 candidati. Come prevede il regolamento per i migliori classificati, il giovane Powell viene esentato dal frequentare i corsi del Royal Military College di Sandhurst ed è nominato direttamente ufficiale, con il grado di sottotenente. Il suo primo incarico è quello di ufficiale nel 13° Reggimento Ussari. E’ il reparto che aveva formato l'ala sinistra dello schieramento della cavalleria nella famosa "Carica della brigata leggera" nella Guerra di Crimea.


1876 6 dicembre. Il sottotenente Powell sbarca a Bombay e raggiunge il suo reggimento a Lucknow. E’ il primo contatto con il mondo delle colonie, così diverso da quello della madrepatria inglese che BP era abituato a frequentare. Nei primi giorni in India, incontra sir Frederick Roberts, che ritroverà altre volte nel corso della sua carriera militare. Non c’è stato di guerra, e quindi il giovane Baden Powell si occupa soprattutto di opere di pace: come l’organizzazione del Teatro. BP fa il pittore di scene: è ambidestro, disegna molto rapidamente con le due mani nello stesso tempo. Ma Robert recita anche, come faceva nel collegio di Charterhouse: partecipa agli spettacoli di una compagnia ambulante che mette in scena un'opera di stile "Savoy" dei commediografi Gilbert & Sullivan. Gli capita anche di improvvisare una parte (per chiudere il buco di un attore che aveva dato forfait) durante uno spettacolo cui assiste il duca di Connaught.


1877, giugno. Viene promosso tenente.


1878. Supera un corso per specialisti nella ricognizione e topografia: è l’unico a ottenere questo diploma quell’anno in India.


1879, 6 dicembre. Torna in Inghilterra in congedo per malattia (febbri malariche e un generale stato di debilitazione).


1880, 18 novembre. Rientra in India, al 13° Ussari che sta dirigendosi a Kandahar, in Afghanistan. BP riesce a ricongiungersi con il reggimento solo il 18 dicembre a Kokoran, un villaggio a 8 miglia da Kandahar. La città è in posizione strategica, all’incrocio con le strade che portano alla capitale Kabul, l’India, la Persia (attuale Iran) ed Herat. La spedizione è comandata da sir Frederick Roberts, che ha ricevuto l’incarico di affrontare Yakub Khan. Uno dei primi incarichi ufficiali è quello di effettuare una ricognizione sul campo di battaglia di Maiwand, dove è stata massacrata una colonna di inglesi. Il tenente Powell si mette subito in mostra per la sua abilità negli schizzi topografici e nella lettura delle tracce sul terreno: come ha imparato a fare nel Copse vicino a Charterhouse. Ma la cosa che piace di più al giovane ufficiale inglese è il lavoro di pacificazione

dell'Afghanistan.


1880, 18 novembre. Rientra in India, al 13° Ussari che sta dirigendosi a Kandahar, in Afghanistan. BP riesce a ricongiungersi con il reggimento solo il 18 dicembre a Kokoran, un villaggio a 8 miglia da Kandahar. La città è in posizione strategica, all’incrocio con le strade che portano alla capitale Kabul, l’India, la Persia (attuale Iran) ed Herat. La spedizione è comandata da sir Frederick Roberts, che ha ricevuto l’incarico di affrontare Yakub Khan. Uno dei primi incarichi ufficiali è quello di effettuare una ricognizione sul campo di battaglia di Maiwand, dove è stata massacrata una colonna di inglesi. Il tenente Powell si mette subito in mostra per la sua abilità negli schizzi topografici e nella lettura delle tracce sul terreno: come ha imparato a fare nel Copse vicino a Charterhouse. Ma la cosa che piace di più al giovane ufficiale inglese è il lavoro di pacificazione

dell'Afghanistan.


1882. Viene nominato istruttore di tiro del Reggimento, che nel frattempo è stato trasferito a Quetta.


1883. Il reggimento è a Muttra, in India, dove BP incontra Kenneth McLaren, soprannominato "the boy" per il suo aspetto da eterno ragazzo. Sarà il più grande amico di BP, per tutta la vita: e anche il primo segretario generale del movimento Scout. A Muttra BP si dedica allo sport preferito dagli ufficiali inglesi in India: la caccia al cinghiale, un’attività molto pericolosa. Vince la coppa del Kadir di caccia al cinghiale, trofeo ambitissimo tra le truppe coloniali e i maggiorenti locali. Verso la fine dell’anno viene promosso capitano e nominato addetto dello stato maggiore del Duca di Connaught, il generale in capo. BP ha molti animali: per prima la cavalla Hagarene, ma addestra anche un cinghiale e addirittura un cucciolo di pantera. Pubblica “On vedette. An Easy Aide – Memoire”.


1884. BP viene trasferito con il suo reggimento da Muttra al Natal (Sud Africa) in appoggio alla spedizione di sir Charles Warren nel Bechuanaland per il sollevamento degli Usutu. Pubblica “Reconaissance and Scouting” un manualetto sull’arte degli esploratori destinato ai militari.


1885. Mentre il 13° Ussari torna in Inghilterra, BP e alcuni altri ufficiali inglesi, tra cui il fratello maggiore George (che era stato consigliere politico della spedizione nel Bechuanaland) decidono di trascorrere la licenza rimanendo in Africa. Il gruppetto risale l’Africa Orientale portoghese e arriva a Inhambane. Baden Powell riempie

taccuini di notazioni e ricordi di viaggio e di avventura, facendo molti bellissimi disegni all’acquarello che poi raccoglierà in un libro. Alla fine dell’anno raggiunge il reggimento in Inghilterra. Pubblica “Cavalery instruction”.


1886. E' al comando di un distaccamento del 13° Ussari a Cochester (Essex). Compie missioni di spionaggio in Germania (a Spandau) e in Russia (a Krasnoje Selo) con il fratello Baden. I due fratelli vengono arrestati dalla polizia dello zar. Le guardie sorprendono BP sulla strada mentre sta passando la carrozza di Alessandro III e probabilmente pensano che si tratti di un attentatore. I due fratelli vengono di fatto chiusi nel loro albergo dalla polizia: non avendo prove contro di loro, la polizia li tiene d’occhio e aspetta probabilmente che i due stranieri facciano un passo falso. I due fratelli Baden Powell riescono ad evadere solo grazie all’aiuto di una spia tedesca che lavora come cameriere nel loro albergo. Lasciano la Russia di notte, a bordo di un veliero.


1887. Organizza un torneo di cavalleria a Liverpool e si fa notare da Lord Wolseley, un alto funzionario del ministero della guerra, che lo manda ad Aldershot per uno studio sulle nuovi armi automatiche. Altre missioni di spionaggio in Alsazia-Lorena, sul confine tra Germania e Francia, per osservare le fortificazioni delle due parti. A dicembre BP accetta il posto di aiutante di campo che gli offre suo zio, il generale Smyth, comandante in capo delle forze nel Sud Africa.


1888. In Africa. Comincia la campagna nello Zululand. BP incontra l'Inpi (reggimento) zulù di John Dunn, commerciante scozzese vissuto da sempre in Africa, consulente del re Cetywayo. Prima battaglia contro gli zulù per liberare il magistrato Pretorius. BP pubblica "Reconaissance e Scouting" il libro da cui poi nascerà "Scautismo per ragazzi". Resa di Dini Zulu dopo l'episodio della "sala da ballo" (un burrone pieno di donne e bambini). Il generale Smyth diventa Governatore della Colonia del Capo e prende suo nipote Robert come segretario militare. Alla fine dell’anno, BP viene promosso maggiore. Tra le molte leggende che riguardano i “tizzoni” (i legnetti che vengono consegnati insieme al Gilwell ai capi che hanno completato l’iter di formazione) due riguardano questo periodo di BP. Una dice che i primi tizzoni erano i pezzi della collana di capo di Dini Zulu; l’altra afferma che si trattava invece delle perline che componevano la collana di una ragazza zulù soccorsa da BP (ma non è riuscito a salvarla) durante la marcia per liberare Pretorius.


1889. BP pubblica un libro sulla caccia al cinghiale: “Pig Sticking or Hog Hunting”. E’ chiamato a far parte della commissione mista tra inglesi e boeri che deve decidere sull’assetto dello Swaziland. Si imbarca a Città del Capo il 26 ottobre e raggiunge Durban una settimana dopo, poi risale il Transvaal verso lo Swaziland. A Johannesburg visita miniere d’oro e d’argento; a Pretoria conosce il presidente Kruger.


1891. BP è segretario militare a Malta, sempre al seguito di suo zio che è stato nel frattempo nominato governatore dell’isola (molto importante, dal punto di vista strategico e per la protezione delle rotte commerciali con l’Oriente).


1892. BP è responsabile dei servizi informativi per il Mediterraneo. Compie missioni di spionaggio in Italia (dove incontra gli Alpini), Austria, Albania, Dalmazia e Montenegro, Grecia, Turchia, Tunisia, Algeria, Libia. Episodio del cantiere navale di Biserta, in Tunisia: sorpreso dalle guardie, fugge sui tetti. A caccia di farfalle (in realtà sono fortificazioni) in Dalmazia: gli tornano utili le lezioni di disegno di sua mamma e i libri da naturalista di suo

padre, che aveva letto con passione. Si finge marinaio nel Bosforo per spiare le fortificazioni dei Turchi.


1893, 10 aprile. BP torna al suo reggimento, che nel frattempo ha preso sede a Belfast in Irlanda.


1895. Durante le esercitazioni militari di Curragh, BP sfrutta la sua inventiva: con un sistema ingegnoso solleva un polverone per coprire le manovre dei suoi soldati: grazie allo stratagemma si fa notare da Lord Garnet Wolseley, che poi lo convoca al ministero della Guerra il 13 novembre. Il comandante in capo gli dice chiaramente che ha bisogno di un uomo con le doti umane e l’ingegnosità di BP. La missione è quella contro gli Ashanti, nel protettorato inglese della Costa d'Oro. Una spedizione al comando di sir Francis Scott marcerà contro il sovrano Prempeh nella capitale Kumasi (che, tradotto, significa “luogo della morte”). L’incarico di BP sarà quello di reclutare e comandare un contingente di truppe indigene da usare come esploratori e come genieri, per aprire la strada alle truppe regolari. Baden Powell raggiunge l’Africa sul “Bathurst”, salpato da Liverpool: sbarca a Cape Coast Castle il 13 dicembre, dopo un avventuroso trasbordo con le piroghe africane sul “surf”. Sulla costa recluta 800 guerrieri (scelti da tribù diverse, per evitare che si coalizzassero tra loro e si ammutinassero alla prima difficoltà): poi li divide in piccole squadre, comandate da un capitano scelto tra loro. L'idea-base è quella che sarà utilizzata anche nello scautismo: abbreviare i tempi di addestramento grazie alla responsabilizzazione e all'auto-formazione.

Questa campagna è fondamentale per la formazione Scout di BP: molte delle cose che impara durante la spedizione saranno poi riprese come suggerimento agli Scout nel libro "Scautismo per ragazzi".

seguentebiographie-impeesa-it-2.html