BIOGR.

HOME

impeesa-it.html

ACQUISTA

http://www.ecoshop-italia.com/#/Recherche-de-Produit_2_pro-140

FAN PAGE

http://www.facebook.com/pages/impeesa-la-grande-avventura-di-Baden-Powell/43031218404

Impeesa, la vita di Baden Powell

1919, gennaio. BP riceve in donazione da W.F. De Bois McLaren il terreno di Gilwell Park, che ancora oggi è il centro del movimento Scout. In luglio BP inaugura la prima scuola capi; in settembre viene organizzato il primo corso Wood Badge. Da allora il fazzoletto rosa con il rettangolo di stoffa scozzese (il Gilwell) accompagnato da un laccio di cuoio con due legnetti attaccati (i “tizzoni”) è il simbolo dei capi che hanno ultimato il loro percorso di formazione. BP pubblica “Aids to Scoutmastership”.


1920, luglio e agosto. Primo Jamboree mondiale, ospitato dall’area espositiva di Olympia, a Londra. Ci sono anche degli italiani, guidati da Mario Mazza e dal conte Mario di Carpegna. BP viene acclamato dai presenti “Capo Scout del mondo”. Prima Conferenza internazionale Scout a Londra. Nascono il Comitato internazionale Scout e l’Ufficio internazionale Scout, entrambi con sede a Londra.


1921. Re Giorgio V conferisce il titolo di Baronetto a Baden Powell. Esce il primo numero di Jamboree, la rivista dell’Ufficio internazionale Scout. BP si reca in India, su invito del vicerè Lord Chelmsford, per organizzare il movimento degli Scouts e delle Guide. Sulla via del ritorno visita gli Scouts di Birmania, Ceylon, Palestina ed Egitto.


1922. Anche l’associazione delle Guide ottiene il Royal Charter. In giugno esce “Rovering to success”. In agosto BP parla alla Conferenza Internazionale Scout di Parigi e alla Conferenza internazionale dell’Educazione a Ginevra. La Francia gli conferisce la “Legion d’honneur”. In ottobre il principe di Galles fa visita a un accampamento di 60 mila Scouts all’Alexandra Palace.


1923. Viaggi in Canada e negli Stati Uniti con la moglie Olave. Il re gli conferisce la Gran Croce dell’Ordine della Regina Vittoria.


1924, luglio e agosto. Wembley ospita il Jamboree imperiale. Anche il principe di Galles vive al campo con gli Scouts, in tenda. In agosto si tiene il Jamboree mondiale di Copenaghen: ci sono anche 50 Scouts italiani, guidati da Mazza, Salvatori e Villetti. A Foxlease si tiene invece il primo campo mondiale delle Guide. C’è anche un’italiana: Alessandra Giacomelli, di Piacenza.


1925. Apre lo chalet internazionale Scout di Kandersteg, nell’Oberland Bernese, in Svizzera. Nasce anche il movimento degli Scout portatori di handicap, gli “Scouts malgrè tout”.


1926. Nuovo viaggio negli Usa. BP e Olave sono ospiti dei Boy Scouts of America. I due capi Scout vengono anche ricevuti alla Casa Bianca dal presidente Coolidge. Quando rientra in Inghilterra, BP partecipa al primo Rover Moot, organizzato all’Albert Hall di Londra. Ad Anversa viene organizzata la Prima Regata Internazionale degli Scouts Nautici. Sul finire dell’anno e l’inizio del 1927 BP e la famiglia fanno un viaggio di sette mesi in Sudafrica, percorrendo circa 14 mila km.


1927. Jamboree internazionale in Svezia. Sull’isola di Brownsea si svolge invece un raduno per celebrare il ventennale del primo campo Scout. Pubblica “Life’s snag and how to meet them”. Viene nominato Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine di San Michele e San Giorgio.


1928. BP e la moglie Olave sono in Ungheria per la Conferenza internazionale delle Guide. Il 28 luglio BP ospita nella sua casa di Pax Hill i partecipanti al primo campo di Brownsea, ormai diventati adulti.


1929.BP e la moglie viaggiano in tutta Europa. Birkenhead ospita la quinta conferenza internazionale e soprattutto il Jamboree di Arrowe Park, organizzato per celebrare il 21° anniversario del movimento.

Partecipano 56 mila Scout provenienti da 54 paesi. Gli Scouts di tutto il mondo, con l’offerta di un penny ciascuno, regalano a BP una Rolls-Royce, una roulotte e il quadro eseguito da David Jagger che ancora oggi costituisce l’immagine principale di BP. Viene creato Lord di Inghilterra: BP sceglie di assumere il nome di Robert

Stephenson Smyth Baden-Powell barony 1st of Gilwell.


1930, viaggi nelle Indie Occidentali e alle Bermuda. Visita il Rover Moot di Anchgillen, in Scozia. Durante la Conferenza mondiale delle Guide a Foxlease, lady Olave viene eletta Capo-Guida del mondo.


1931, viaggi in Australia, Nuova Zelanda e Sudafrica. Partecipa alla sesta Conferenza internazionale Scout a Baden bei Wien, in Austria, e poi al primo Rover Moot mondiale a Kandersteg: c’è anche il figlio Peter, che è un rover.


1932. Lady Olave e BP inaugurano lo chalet internazionale delle Guide ad Adelboden, in Svizzera. Poi visitano campo nazionale degli Scout olandesi, all’Aja.


1933, marzo. Viaggio in Italia: BP incontra Mussolini e il Papa. Jamboree mondiale e settima Conferenza internazionale Scout a Godollo, in Ungheria. Crociera con 650 capi di Scouts e Guide a bordo della nave Calgaric: la nave tocca Polonia, Lettonia, Estonia, Lituania, Finlandia, Svezia e Norvegia. Poi BP e Olave partecipano a un convegno di capi a Edimburgo. BP pubblica “Lessons from the varsity of life”.


1934. BP subisce una grave intervento chirurgico, che lo tiene a letto per cinque mesi. Pubblica “Adventures and Accidents”. Una volta ristabilito, fa la convalescenza in crociera. Si imbarca sulla nave Adriatic con 670 capi Scouts e Guide e tocca Malta, Gibilterra, Nizza, Algeri e Lisbona. Sul finire dell’anno fa visita al campo nazionale australiano di Melbourne; poi incontra gli Scouts e le Guide di Malesia, Indonesia e Ceylon.


1935. Viaggio nelle isole del Pacifico, Nuova Zelanda, Canada, Terranova e Stati Uniti. Il presidente Franklin Delano Roosevelt lo riceve alla Casa Bianca. BP partecipa al secondo Rover Moot mondiale, che si tiene a Ingaro in Svezia. Segue l’ottava conferenza internazionale, a Stoccolma. In estate il figlio Peter sposa Carine Boardman. BP e Olave partono per un viaggio in Africa: visitano Kenya, Uganda, Tanganica, Zanzibar e Rhodesia. In Kenya BP e Olave scoprono la località di Nyeri: gli piace così tanto che decidono di comprare un terreno per costruirci una casa. Durante il viaggio BP contrae la malaria, ma si riprende abbastanza in fretta e può partecipare al Campo Nazionale di East London, in Sud Africa. Dall’Africa spedisce a Londra le bozze di “Scouting round the world”.


1936, gennaio. BP accompagna a Mafeking la moglie (che non c’era mai stata) e i figli. In febbraio, nel corso di un convegno di capi sudafricani a Durban, si scontra con il problema dell’ostilità tra gruppi razziali locali. Sulla via del ritorno in Inghilterra, la famiglia Baden Powell visita le isole Ascensione e Sant’Elena. In agosto riceve la donazione di un terreno da campo a Windermere: W.B. Wakefield ha donato la proprietà conosciuta come Great Tower all’associazione inglese. BP nomina Lord Somers vice capo Scout mondiale. Il 24 settembre, a Bentley, la figlia Betty sposa Gervas Clay. Pubblica “Adventuring to manhood”.


1937, gennaio. BP torna per l’ennesima volta in India, dove partecipa al Campo nazionale indiano, a Delhi. Il 22 febbraio BP festeggia gli 80 anni assistendo all’ultima parata a cavallo del 13° Ussari, che viene trasformato in reggimento corazzato. Probabilmente la cosa non piace a BP, che restituisce la nomina onorifica di “colonnello in capo”. In India BP assiste ancora una volta alla Coppa Kadir di caccia al cinghiale. In Inghilterra BP partecipa con gli Scouts ai festeggiamenti che seguono l’incoronazione di re Giorgio VI. Il 25 aprile lo stesso re Giorgio e la regina passano in rassegna gli Scouts inglesi riuniti nel castello di Windsor e nominano gli “esploratori reali” di quell’anno. Il 24 maggio BP riceve dal Re l’Ordine al Merito della Corona Inglese, un’onorificenza di cui erano insigniti in quel momento solo una ventina di persone. In luglio BP e il movimento Scout ricevono il premio Wateler per la pace. In estate a Vogelenzang, in Olanda, si tiene il 5° Jamboree mondiale. Il 3 ottobre muore il fratello minore Baden, a 77 anni. Nona conferenza internazionale, all’Aja. BP pubblica “African adventures”. In ottobre nasce Robert Baden-Powell junior, figlio di Peter. Il 3 novembre 300 capi maschi e femmine partecipano a un grande pranzo per festeggiare le nozze d’argento di Olave e BP. Subito dopo i due coniugi partono per Nyeri, in Kenya, dove la casa è stata nel frattempo finita. BP ha la bronchite ed è debilitato: i medici prescrivono tre mesi di riposo assoluto.


1938, aprile. I Baden-Powell tornano in Inghilterra. BP partecipa al primo convegno mondiale dei capi branco, a Gilwell Park. Pubblica “Birds and beasts of Africa”. Fa una crociera a bordo della nave Ordugna in Norvegia, Danimarca, Belgio e Islanda, insieme a 470 capi di Scouts e Guide. Il 27 ottobre lascia l’Inghilterra per l’ultima volta e si trasferisce nella residenza di Paxtu, a Nyeri in Kenya.


1939. Non partecipa alla 10ma Conferenza internazionale di Edimburgo, ma si limita a inviare un messaggio. Pubblica “Paddle your own canoe”. I suoi disegni vengono esposti alla Officer’s art society di Londra e alla Mostra d’arte del Kenya, a Nairobi. Negli ultimi mesi dell’anno riceve la nomination per ricevere il Premio Nobel per la Pace: ma scoppia la Seconda guerra mondiale e il premio non viene assegnato.


1940, febbraio. La famiglia di BP, con i figli e i nipoti, si riunisce a Nyeri. Il 24 giugno la figlia Heather a Bentley sposa John King. BP pubblica “More sketches of Kenya”. E’ il suo ultimo libro: “Snaps and scraps”, infatti, viene solo iniziato e non è mai stato pubblicato. In settembre BP ha un peggioramento delle condizioni di salute, ma si riprende dopo qualche settimana. Ma ormai il declino è cominciato. A novembre c’è un’altra crisi: BP alterna periodi in cui sta bene ad altri in cui è preda di una grande stanchezza. A dicembre le sue condizioni di salute appaiono critiche.


1941, 8 gennaio: Lord Robert Stephenson Smyth Baden-Powell of Gilwell muore nella sua casa di Nyeri. Per il funerale arrivano da tutto il mondo Scouts e soldati di ogni razza e religione.

Olave dispone che venga sepolto nel cimitero di Nyeri. Il nostro omino con i baffi è tornato alla Casa del Padre.

iniziobiographie-impeesa-it.html

(ricerca e testo a cura di Paolo Fizzazotti,

autore del libro Impeesa)